Seguici su Facebook e Twitter

26
apr

0
due_gradi_silvestrini_edizioni-ambiente

Libro: Due Gradi, di Gianni Silvestrini

  • Autore: Gianni Silvestrini
  • Editore: Edizioni Ambiente
  • Anno di pubblicazione: 2015
  • Pagine: 260

L’elenco è noto: cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, inquinamento, accesso problematico alle fonti fossili e ad altre materie prime, crescita della popolazione e dei consumi… Si tratta di questioni connesse tra loro: se intendiamo risolverle, nei prossimi decenni dovremo trasformare radicalmente interi comparti della nostra economia. La buona notizia è che, nonostante la miopia di parte del mondo politico e le resistenze di alcuni settori industriali, è un processo che sta già avvenendo. L’avanzata delle rinnovabili e dell’efficienza mette in discussione il sistema energetico tradizionale, mentre il car sharing, le auto senza guidatore e altre forme di mobilità imporranno profondi ripensamenti al settore automotive. I LED stanno trasformando l’illuminazione, e si stanno diffondendo edifici che consumano dieci volte meno di quelli esistenti. Le nanotecnologie, la stampa 3D, la robotica e la biomimesi promettono di trasformare il settore manifatturiero…


 

Descrizione:

Sono da incubo gli scenari che emergono dagli innumerevoli studi sul futuro del pianeta: un ulteriore depauperamento delle risorse, lo sconvolgimento di equilibri naturali e preoccupanti impatti sociali ed economici.

Secondo la comunità scientifica, per evitare conseguenze irreversibili e potenzialmente catastrofiche, la temperatura del pianeta alla fine del secolo non deve superare di 2 °C i livelli esistenti prima della Rivoluzione industriale.

Ma anche il solo obiettivo dei 2 °C richiede un impegno molto incisivo e una netta inversione di tendenza, non solo delle emissioni.
Un tema di grande attualità nel 2015, anno del clima. A dicembre a Parigi si terrà infatti la Conferenza delle Nazioni Unite che dovrebbe impegnare tutti i paesi del pianeta nel contenimento dei gas serra.

Il libro di Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club e QualEnergia, edito dalla casa editrice Edizioni Ambiente – Collana KyotoBooks (vedi scheda libro), offre un approfondimento dedicato al settore dell’energia e al suo mutamento, offrendo uno sguardo sul tema dei cambiamenti climatici e sugli effetti che questi hanno sulle nostre attività e sul nostro pianeta.

“2 °C” suggerisce spunti utili per affrontare l’emergenza climatica, ma si propone di andare oltre. L’ambizione è quella di fornire suggerimenti per delineare una “visione” del futuro.


L’autore Gianni Silvestrini ha lavorato presso il Cnr e il Politecnico Milano, dove è responsabile del master Ridef. È stato direttore generale del Ministero dell’ambiente. È direttore scientifico del Kyoto Club e presidente del Green Building Council Italia e di FREE. Ha abbinato le attività istituzionali, di ricerca, insegnamento, impegno associativo, cercando sempre di individuare le novità in grado di accelerare la trasformazione ambientale del paese. All’inizio dello scorso decennio ha lanciato dal Ministero dell’ambiente il programma “10.000 tetti solari” e il servizio di car sharing ICS, anticipando la diffusione di tecnologie e soluzioni che hanno poi avuto uno straordinario successo.

Gianni Silvestrini


“Un libro accurato e puntuale che, partendo dai mutamenti climatici, centra il cuore dei problemi e individua soluzioni ecosostenibili e opportunità per i nuovi scenari energetici del pianeta.” Ermete Realacci, presidente commissione ambiente della Camera

“Il mondo dell’energia è in rapida trasformazione. È fondamentale comprendere le direttrici del cambiamento per coglierne le opportunità. Queste pagine forniscono un utile contributo alla riflessione.” Francesco Starace, amministratore delegato Enel

“Per uscire da questa crisi occorrerebbe valorizzare maggiormente il lavoro, cancellare la precarietà e allo stesso tempo porsi il problema di un diverso modello di sviluppo: con prodotti che siano ambientalmente sostenibili, ripensando anche un’idea diversa di ambiente. Per questo discutere di questo libro è importante.” Maurizio Landini, segretario generale Fiom

No Comments

Reply